Shakira : Las Mujeres Ya No Lloran | Recensione

shakira las mujeres ya no lloran recensione

Shakira è ufficialmente tornata, dopo una lunga attesa, con un nuovo album, Las Mujeres Ya No Lloran, ma come suona questo nuovo disco? La recensione

Las Mujeres Ya No Lloran è il dodicesimo album in studio della cantante colombiana Shakira, a voi la recensione.

Il nuovo album di Shakira, “Las Mujeres Ya No Lloran” è stato atteso come la pioggia nel deserto. Dall’ultimo disco, ” El Dorado” datato 2017 ne è passata  di acqua sotto i ponti: figli, collaborazioni, singoli vari e un famosissimo divorzio di cui si è parlato e riparlato fino allo sfinimento, ma che, in fondo, un po’ le è servito.

Si perché è proprio grazie a quella collaborazione con Bizarrap, che la cantante colombiana è riuscita a rientrare in cima alle classifiche di tutto il mondo. 

Shakira si è ripresa un trono sul quale non sedeva ormai da tempo, e a costruire un album intimo, tanto triste e perfettamente strutturato, modellato su quella che era la sua intenzione sin dal principio: sfogarsi con il suo pubblico, nella sua madrelingua: la musica.

Ed è proprio su questo principio che Shakira fonda il suo nuovo album, riuscire a sfogarsi e allo stesso tempo raccontarsi, non cedendo la sua identità a nessuno, cantando rigorosamente in spagnolo così come sin dagli albori, e firmando le sue stesse tracce. Si fa accompagnare però da nuovi colleghi, che in qualche modo hanno riscritto anche loro il panorama odierno latino, e crea tante collaborazioni, tra i quali Cardi B, Rauw Alejandro, Ozuna, Karol G e di nuovo Bizarrap che ha contribuito a dare anima e corpo al disco anche nel suo piccolo, anche se la vera tenera chicca ci rimane con Acròstico, dove partecipano anche i figli Milan e Sasha.

Ma come si presenta musicalmente il disco?

Shakira crea o segue movimenti iconici e pop per la musica leggera latina, basti ricordare la poesia e le musicalità leggere anni 90 dettate da ” Pies Descalzos” , o l’anima rock-bohémien di “Laundry Service” o ancora al frizzante e passionale momento dettato da “Oral Fixation” . 

Ma con ” Las Mujeres Ya No Lloran” Shakira arricchisce il suo repertorio con pezzi più elettronici ed artificialmente lavorati, che da un lato sono invidiabili e lodevoli per la sperimentazione su un genere che, tradizionalmente, non accetta suoni artificiosi, e che comunque seguono il tempo e rendono l’autrice al passo con i tempi. D’altro canto però, creano anche una sorta di patina tra l’ascoltatore e l’artista oltre il fatto che in alcuni passaggi, il vero talento di Shakira sembra messo al guinzaglio.

shakira mujeres ya no lloran recensione

Non per questo significa che il disco sia brutto, anzi, è solo più moderno ed attuale rispetto al solito universo Shakiriano, sicuramente non siamo di fronte a quel capolavoro che era ” Oral Fixation” , ma va anche bene così, del resto non siamo più nemmeno nel 2005.

Quindi al via una Shakira più matura, più piena di sé, musicalmente più audace, che a discapito del titolo del disco, ha pianto molto in passato (e in privato) ma adesso si è qui rialzata per fatturare!

Senti come suona

Gabriele Romano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.